diario di un'italiana in ghana

E dopo il sole… la luce elettrica

Prima c’era solo il sole (e la luna piena) a dare luce alle cose.

Per la notte buia ho cominciato con una candela e ho proseguito con una lanterna made in China. In fretta mi sono evoluta e sono passata al pannello solare e poi… sono tornata indietro, con un artigianale impianto elettrico. Fili tirati da una capanna ad un’abitazione, cavi nascosti sotto la sabbia e prese elettriche applicate con fantasia.

La cosa più scioccante è che ci ho messo due giorni per fare tutto! Un record impossibile per l’Africa e tutto quello a cui mi sto abituando qui. Un giorno per acquistare il materiale, il giorno (e parte della notte dopo) per fare l’impianto e attaccarlo al vicino più disponibile e con una casa. Un worker così competente, serio ed efficiente non lo avevo mai incontrato! Ha lavorato dal mattino alle 7,30 fino alle 23 circa. Il suo nome è Godsway.

Questo Paese è proprio una costante sorpresa.

elettricista aflasco

Annunci

1 risposta »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...