Meeting tra danze, canti e suoni di campana

L’ho già detto che qui ogni giorno è un giorno nuovo? È incredibile come in un posto così piccolo, dove sembra non accadere mai nulla accade sempre qualcosa. Perché si gioca d’improvvisazione, ecco perché. Oggi, domenica, è giorno di meeting per i buddisti della Soka Gakkai.

Un’ora di daimoku, gongyo, lettura di un breve brano di Gosho, si sottolinea che oggi, 16 marzo è il giorno di Kosen Rufu. Poi io, compita compita, leggo un brano da un libro che porto spesso con me per arricchire l’incontro e mi preparo alle due ore di discussione… (essì, in Africa anche i meeting hanno tempi africani, non europei).

Invece a un certo punto uno dei membri si alza, prende la campana dal butsudan e comincia a suonarla e donne, bambini, giovani, uomini mezza età si alzano e cominciano a cantare e ballare. Ed è tutto un ritmico risuonare di battiti di mani. Io rimango con il mio libro e con il jutzu persi tra le mani.

Dopo un po’ qualcuno si ricorda che ci sono anch’io: dobbiamo fare le prove per il festival di domenica. Festival? Sì, il festival buddista… Che si chiama? Si chiama Ganu. Boh? Però è stato divertente, mi sono divertita un casino. Com’è vero che la pratica si adatta in certa misura alla cultura del Paese.

 16032014147

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...