E poi, tutto cambia…

io con vestito batikI cambiamenti sono lenti. Eppure si rivelano all’improvviso. E nelle piccole cose.

Come allacciarsi il pareo come fanno le donne quaggiù, come svegliarsi con la mente già disposta alle attività quotidiane. Queste attività quotidiane.

Come diventare più lenti, più attenti, più pensosi.

Come girare nel villaggio e avere molti da salutare. Soprattutto i bambini… Come rivolgersi agli amici e spiegare: “qui vi chiamano yevu…”. “Vi”, non “ci”.

Viene fuori naturale. E in qualche modo sai che anche qui, finalmente, cominci a sentirti a casa.

Annunci

One thought on “E poi, tutto cambia…

  1. Ecco come bisogna essere! Bisogna essere come l’acqua. Niente ostacoli – essa scorre. Trova una diga, allora si ferma. La diga si spezza, scorre di nuovo. In un recipiente quadrato, è quadrata. In uno tondo, è rotonda. Ecco perché è più indispensabile di ogni altra cosa. Niente esiste al mondo più adattabile dell’acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...