diario di un'italiana in ghana

Un conto in banca ma senza scarpe

Ecobank, la grande banca pan-africana. Lei, una donna dimessa, chissà quanti figli e nipoti. Chissà quanto male. Chissà quanti stenti.  

Apre un conto, fa operazioni varie, c’è chi l’aiuta, gli addetti agli sportelli ci sono abituati, parlare la lingua locale è obbligatorio.

Lei ha un conto, parla solo Ewe e non ha scarpe,  neanche per andare in banca. Però ha un cellulare.

Solo chi non conosce l’Africa può restare stupito da quelle che sembrano tante contraddizioni.

image

image

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...