diario di un'italiana in ghana

Una barca per studiare. Tanto basta

Se non hai una casa – o meglio la tua “casa” è un tetto di lamiere e canne intrecciate al posto dei muri – anche per studiare usi posti “alternativi”. Come una barca.

L’ombra delle assi, la brezza marina, il silenzio, rotto solo – qua e là – dalle voci di bambini che si rincorrono (magari i tuoi fratelli più piccoli) o dai passi pesanti sulla sabbia di donne e uomini stanchi (magari tuo padre e tua madre).

E che pace in questo “guscio” che protegge dalle urla o dall’atmosfera sconsolata che di solito aleggia nella propria casa…

È tempo di esami in Ghana, è tempo di esami anche ad Aflasco, questo piccolo villaggio dove guardo e interpreto la vita nelle sfumature che a tanti sono ignote.

Nemmeno si accorge di me, lo scolaro. È intento a leggere e studiare e io sono felice di scoprire che, anche qui, c’è chi ha volontà, voglia di riuscire. Magari desiderio di cambiare la sua sorte. Magari. Poi alza gli occhi e io gli dico di continuare a studiare, che va bene così. E sì, spero proprio che andrà bene.

PS Avrei voluto vederci una ragazza studiare in quella barca. Invece è più facile vederle lavorare, fare figli nella pubertà e perdersi in una vita di stenti.

ragazzochestudia

ragazzochestudia2

ragazzochestudia3ragazzochestudia4

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...