diario di un'italiana in ghana

Un albero senza radici, un albero con mille radici

E si (ri)parte. Valigie dove non entra mai niente e amici e storie che non vorresti mai lasciare.

Ma che devo fare? Proprio non ce la faccio a pensare: qui è per sempre. Quale sempre? Accidenti che parola inutile e priva di futuro. Perché il sempre, si sa, non esiste.

Mi appartengo, ed è l’unica cosa certa. Ma non appartengo. Seppure ho angoli di sensazioni certe.

Di sicuro a Napoli c’è il cuore. E di sicuro se penso a Cosenza penso a radici. E seppure sono nata a Milano non la desidero e non l’ho mai desiderata. Ma mi ha visto nascere. È stata la mia opportunità. Di vivere. La cosa più bella che possa capitarci. A prescindere (come diceva Totò). E poi Bologna. E penso ai miei studi, alla crescita, alla cultura, ovvio. Nel senso di “coltivare“.

E ora questo Ghana, che è venuto fuori dopo altri giri che non sto qui ad elencare.

Ora vado, (ri)torno. Ma con la libertà di sempre. Perché mica ho voglia di star lì ad aspettare…

Ho trovato un’immagine che mi rappresenta. Un albero. Un alberto pieno di radici piantate nel vuoto. Ma ramificate in tante. E che sta un po’ qua e un po là. Qualche volta con sforzo, qualche volta con grasse risate.

Non è breve questa esistenza? E non ce ne saranno tante altre? E allora a che serve radicarsi. È il cuore che è importante, è la gioia che è importante. È vivere che è importante.

albero-della-vita

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...