Mali, la musica che combatte il terrorismo

Visto che è domenica, oggi facciamo musica!

Qualcosa che dà carica ed energia, come questo nuovo pezzo dei Songhoy Blues, Bamako.

TIDAL · High Fidelity Music Streaming

I Songhoy Blues sono un gruppo maliano del genere musicale desert blues. La band si formò proprio a Bamakò, che poi furono costretti a lasciare con l’intensificarsi della guerra civile e l’applicazione della Sharia. I ragazzi sono dell’etnia Songhoy e da qui il nome dato al gruppo.

Questo, da cui è estratta Bamako, è il loro secondo album, Résistance. Una carriera veloce con già tanti riconoscimenti. E basta guardare al loro fitto calendario di concerti del tour che partirà il 21 giugno al Glastonbury Festival – Pilton, UK. Peccato che non ci sia nessuna data in terra d’Africa.

I 4 ragazzi di Songhoy Blues sono anche tra i principali protagonisti del documentario They will have to kill us firstche racconta e celebra il coraggio di musicisti che si sono opposti [alla sharia] continuando a imbracciare i loro strumenti“.

Per chi vuole saperne di più, questa è una bella intervista su BBC Africa in cui raccontano la violenza in atto nel Paese. Loro sono bellissimi e meritano di suonare in un Mali unito e senza guerra e non nei campi di rifugiati. Anche qui si sono esibiti tra la loro gente scappata da un conflitto ormai in corso dal 2012.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...