africa news

Poetessa in carcere perché scrive versi sulla riunificazione della Somalia

In prigione perché scrive poesie. In prigione per aver sostenuto con le sue parole l’unificazione della Somalia. In prigione, forse anche, per essere semplicemente donna.

Una corte dell’autoproclamata Repubblica del Somaliland ha condannato a tre anni di carcere Nacima Qorane.

La poeta e attivista era da poco tornata dalla Somalia dove, questa l’accusa, aveva recitato poesie che inneggiavano all’unità somala e alla riunificazione dei due Stati.

Il Somaliland ha dichiarato la propria indipendenza nel 1991 al termine di una sanguinosa guerra civile, ma non è stata riconosciuta a livello internazionale.

Un’offesa allo Stato del Somaliland, secondo i giudici che l’hanno accusata e condannata. Violata la libertà di espressione, pensa invece il Centro per i Diritti Umani del Somaliland che chiede il rilascio della poeta e il rispetto dei diritti umani, non solo per Nacima Qorane ma anche per altri artisti e giornalisti che, negli anni, sono stati imprigionati per lo stesso reato.

Proprio nel 1991 uscì una raccolta di poesie dal titolo Fighting to be heard (Lottare per essere ascoltate), valida ancora adesso, con l’aggiunta di una scelta politica e miliatare che ha anche diviso le donne e limitato ulteriormente la loro libertà espressiva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...