Holidays in Ghana

Se hai voglia di fare una vacanza che nessuno potrebbe offrirti e che della vacanza tradizionale ha poco, allora è per questo che sei arrivato in questa pagina.

Non ti offriamo una cartolina da catalogo ma un’esperienza reale.

***************

Il luogo in cui vi ospitiamo è un villaggio di pescatori – Aflasco il suo nome – che si trova a Keta, un tempo capoluogo della Regione del Volta.

[La Regione del Volta (Volta Region) è la più orientale delle dieci regioni del Ghana. La capitale è Ho. Confina a nord con la Regione Settentrionale, a ovest con la Regione di Ashanti e la Regione Orientale, a est con il Togo e a sud con la Regione della Grande Accra e il Golfo di Guinea. Alla regione appartengono tutta la costa orientale del Lago Volta e il monte più alto del Ghana, l’Afadjoto. (fonte Wikipedia)]

Il villaggio dove vi ospiteremo è situato tra la laguna e l’Oceano Atlantico. La spiaggia bianca è il luogo più bello dove rilassarvi, guardare i pescatori e magari fare amicizia con qualche persona del posto.

A&Y WildCampGhana.jpg

Il compound, prospettiva

capanna

Capanna piccola

wild-camp-ghana-small-room-inside

Capanna piccola, interno

wild camp ghana big room (2)

Capanna grande

wild camp ghana big room inside

Interno capanna grande

La nostra cucina

La nostra cucina

zona toilette e docce

zona toilette e docce

tibetan-prayers-flags

Salottino, particolare

A&Y – Wild Camp Ghana, così si chiama la nostra guest house familiare.

Vivere in un villaggio vuol dire sperimentare la vita in questa parte dell’Africa. Sopravvivenza e lotta quotidiana. Essenzialità delle cose. Non preoccupatevi, dormirete in un letto vero, e con lenzuola e cuscino! Non aspettatevi il bagno di casa vostra. Ci sono le toilette, naturalmente, ma la doccia la farete come la facciamo noi, usando i secchi dell’acqua che prendiamo al pozzo sulla spiaggia. Anche in questo caso non c’è da preoccuparsi, al pozzo ci andiamo noi. Se poi volete provare…

Mangerete il cibo locale, cassava, yam, riso, naturalmente fufu e tanta, tanta frutta fresca – banane, avocado, ananas, mango, cocco… e pesce appena pescato. Non mancano la specialità ghanesi – fufu e banku – ma nel nostro forno facciamo anche pizza, pane e qualche semplice torta. E non manca l’italianissima pasta!

Con grande fatica siamo riusciti ad allacciarci alla corrente elettrica, anche se di notte ancora preferiamo guardare la luna, raccontarci storie, suonare le percussioni e… riusciamo a inventarci sempre qualcosa.

Non pensate che sarete completamente isolati, potete ricaricare il vostro cellulare ogni giorno (in caso di black out abbiamo un pannello solare), collegarvi ad Internet e comunque – non vi ho detto la cosa più importante – saremo sempre a vostra disposizione. E potete trattenervi nel nostro bar ascoltando musica e sorseggiando un drink.

Il contributo è di 40 euro al giorno a persona.  È compreso il pernottamento e tre pasti al giorno. Escluse le bevande (anche l’acqua). Disponibile – non gratuita – la connessione Internet.

Il gruppo etnico di questa regione del Paese è quello degli Ewe, che conservano moltissime credenze, tradizioni e…  superstizioni. Potrete anche visitare (cosa non usuale) alcuni shrine dove si praticano religioni, danze e usanze locali.

Possiamo accompagnarvi a visitare altri luoghi, se deciderete di viaggiare e avete bisogno della guida.

Il Ghana è ricco di attrattive naturali e storiche, a cominciare dai forti disseminati lungo tutta la costa, dove venivano tenuti gli schiavi prima dell’imbarco per le Americhe, e che oggi fanno parte del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

In particolare a Keta si può visitare Fort Prinzenstein, l’unico forte a est della Regione del Volta. Il forte, costruito dai danesi nel 1784, è stato in parte distrutto da violente mareggiate.

Sebbene questa (un tempo) maestosa struttura sia ora parzialmente in rovina una parte significativa rimane a testimoniare il ruolo che aveva all’epoca della tratta degli schiavi. Anche l’antica Keta si trova ormai in fondo all’Oceano ma se ne può ancora respirare il passato nell’aria.

Per arrivare a Keta da Accra, in tro-tro o con un’auto privata si attraversa il Lower Volta Bridge che da solo merita il viaggio.

Una volta qui si può visitare la laguna, la più grande del Paese:  lunga 40 km e larga 8. Il luogo è anche noto dagli amanti del birdwatching. I visitatori possono scegliere di andare in barca su una delle isole disabitate della laguna, nuotare nell’Oceano o anche andare a far spesa nel mercato locale.

A&Y è a poco più di un’ora dal confine con il Togo ed è quindi anche un utile transito per chi vuole attraversare il confine.

Ma la cosa migliore è rilassarsi sulla sabbia bianca, leggere qualche libro di letteratura e storia africana dalla nostra piccola e selezionata biblioteca o immergersi nei suoni del villaggio e addormentarsi al ritmo lento delle onde.

Possiamo anche proporvi programmi organizzati secondo le vostre esigenze, tempi e curiosità. Il costo del servizio sarà stabilito in base ai luoghi che vorrete visitare e alla durata del viaggio.

Anche viaggiare da soli non è un grosso problema, il Ghana è considerato il Paese più friendly del continente.

L’esperienza che ci ha portato ad aprire questa guest house è legata alle attività di sostegno che Ashanti Development Italia  porta avanti nelle comunità rurali nella Regione Ashanti. Gli ospiti sono invitati a visitare questi villaggi per vedere da vicino i nostri progetti ed entrare in contatto diretto con le famiglie che sosteniamo.

Inoltre, A&Y ospita progetti di volontariato di Ashanti Development Italia. Si tratta di piccoli progetti di insegnamento della lingua inglese, di socializzazione e sostegno per i bambini del villaggio.

mappa ghana


PRIMA DI PARTIRE – DOCUMENTI VACCINAZIONI PROFILASSI

Per visitare il Ghana, così come altri territori africani è importante prevenire i problemi di salute che potrebbero verificarsi nel Paese.

La sola profilassi obbligatoria per l’ingresso è quella contro la febbre gialla. All’arrivo all’aeroporto di Accra vi chiederanno di mostrare il certificato di vaccinazione. Altre sono vivamente consigliate, come la profilassi antimalarica.

Su Viaggiare Sicuri troverete una serie di informazioni, sia sul Paese che sulla situazione sanitaria. La prudenza è d’obbligo ma notizie di pericoli non vanno lette in maniera allarmistica. In ogni Paese, così come anche in Italia, ci sono regole di buon senso per prevenire problemi e disagi.

Su questa scheda trovate altre informazioni utili.

Se state pensando di offrirvi questa esperienza potete contattarci in qualunque momento per domande e chiarimenti.

PRIMA DI PARTIRE – LEGGERE E INFORMARSI

Per conoscere un po’ il Paese, prima di arrivarci potete dedicarvi alla lettura.

Cominciamo con l’indicare questa voce dell’enciclopedia Treccani on line.

Sul sito del Bird Life International, potete leggere le caratteristiche della Keta Lagoon (area protetta) e della sua fauna con decine e decine di specie di uccelli, che ne fa una meta obbligatoria per gli amanti del birdwatching.

Se siete amanti di gialli, ho appena scoperto questo autore ghanese, Kwei Quartey, che ambienta i suoi romanzi tra Accra e i villaggi. Storie di delitti e indagini che all’intermo del racconto forniscono – così afferma la critica – informazioni sul Paese e sulle sue superstizoni.

Su goodreads potete trovare un vasto elenco di libri (in lingua inglese) di autori ghanesi o ambientati in Ghana.

Inoltre, un must per conoscere la storia dell’Africa è il testo di Martin Meredith, The state of Africa.

Consiglierei, ancora, The shackled continent, di Robert Guest.

Per tornare al Ghana, solo recentemente è stato pubblicato Africa must unite, l’edizione italiana dell’opera di Kwame Nkruma. Nkruma fu il leader del panafricanismo e presidente del Ghana, che – primo tra i Paesi africani – conquistò l’indipendenza nel 1957.

Può essere interessante conoscere meglio la letteratura africana, anche solo grazie a una sintesi. E vorremmo naturalmente segnalarvi Ayi Kwei Armah, considerato uno degli autori più rappresentativi della letteratura africana e ghanese.

Ma sicuramente, la più interessante rimane Ama Ata Aidoo, vincitrice nel 2007 del Caine Prize per la scrittura africana. Lungo l’elenco dei libri pubblicati, tra  quali spicca African Love Stories, raccolta di scrittrici africane.

Ed è una donna (ghanese) – Becky Ayebia Clarke – ad aver fondato nel 2003 una casa editrice specializzata in letteratura africana e caraibica. Si chiama Ayebia e il catalogo è davvero molto ricco. Va assolutamente sfogliato.

Questo, poi, è il meglio che possiamo consigliarvi per “imparare l’Africa”. Lezioni di docenti qualificati su Exploring Africa. (Prendetevi tanto tempo…)

Se volete potete aiutarci ad arricchire questa lista. Per scriverci andate nei contatti.

TRADIZIONI (ADINKRA)

Certamente i simboli adinkra e l’uso di tali simboli sui tessuti è una delle tradizioni più tipiche del Ghana. Ma cosa sono e cosa significano queste immagini? Si tratta, in sostanza della sintesi visuale di proverbi, credenze, modi di dire e … di pensare.

Per leggere qualcosa sugli adinkra ecco due link: da Wikipedia (in inglese) e alla voce West African Wisdom, anche questo in inglese.

Noi ci sentiamo particolarmente ispirati da questi:

bi nka bi

(Bi Nka Bi- Peace and Armony) – No one should bite the other

sesa wo suban(Sesa Wo Suban – Symbol of life transformation) – Change or transform your character

mmere dane(Mere Dane – Symbol of change, life’s dynamics) –  Time changes                                                                          

odo nnyew fie kwan

(Odo Nnyew Fie Kwan – Symbol of the power of love) – Love never loses its way home


cover

torna alla home page

One thought on “Holidays in Ghana

  1. Pingback: Vita da campeggio | ghanaway...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...